Search

Articoli

Filtro
  • Consiglio Comunale a Serramazzoni 29/10/2013

    Serata dedicata alle tasche dei serramazzonesi. Si è parlato di Tares........! Linea identica a quella tenuta da tanti comunimodenesi, nessuna proposta virtuosa. Dal MoVimento 5 Stelle suggerimenti e proposte che speriamo riescano a sensibilizzare almeno i cittadini visto che la Giunta pare sorda ad una gestione verso "Rifiuti Zero" e a tariffe puntuali per cittadini che manifestino comportamenti virtuosi. 

    Di seguito il testo della dichiarazione di voto del MoVimento 5 Stelle letta dal Consigliere Francesca Marzani.

    Punto 2 dell’OdG:REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI INDIVISIBILI – TARES

    Punto 3 dell’OdG:APPROVAZIONE TARIFFE TARES ANNO 2013

    "Il Movimento 5 Stelle, rispetto a questi punti all’Ordine del Giorno, intende fare un’unica dichiarazione di voto, essendo gli argomenti strettamente collegati l’uno all’altro.

    Rispetto agli argomenti di cui sopra, è doverosa una breve premessa.

    Nella scorsa seduta di Consiglio Comunale (30 Settembre 2013) sono state approvate a maggioranza le “Linee programmatiche del mandato amministrativo 2013 – 2018”.

    All’interno del documento approvato (pag. 23), nel paragrafo relativo a “Il sistema del Recupero Differenziato”, si legge: “Consolidare ed aumentare la percentuale della raccolta differenziata – Operare per il contenimento delle tariffe compensando eventuali aumenti dei costi, con recupero di efficienza e attraverso economie di scala – Favorire comportamenti virtuosi da parte dei cittadini dalla raccolta differenziata al risparmio energetico alla riduzione dello spreco dell’acqua”.

    L’art. 19 del regolamento in discussione questa sera, “Agevolazioni per la raccolta differenziata e l’avvio al recupero”, elenca alcuni casi per i quali sono previste riduzioni da parte dell’ente gestore, ed esempio per il privato cittadino è previsto uno sconto del 10% nel caso in cui egli intenda effettuare il compostaggio domestico, mentre non è chiaro lo sconto applicato in caso di conferimento diretto all’isola ecologica.

    Non una parola è spesa a favore dei cittadini virtuosi che già effettuano la raccolta differenziata anche per plastica, vetro, lattine, carta, pile usate, ecc…; del resto sarebbe impossibile premiare il cittadino meritevole senza prima avere ripensato e riprogettato il sistema di raccolta. Purtroppo il sistema di raccolta attuale non permette nemmeno di misurare la buona volontà di ciascuno, tutto è lasciato al caso, con cassonetti lungo la strada. Quanto ciascun utente conferisce? Quanto ciascun utente differenzia?

    Impossibile saperlo!

    Alla fine viene fatta una media aritmetica e tutti pagano indistintamente le stesse tariffe.

    Invece, per intraprendere una direzione virtuosa, servirebbe un sistema di raccolta porta a porta con tariffa puntuale. Questa gestione è già operativa in molti comuni, partendo dall’esempio di Capannori che è stato il primo promotore, e recentemente il Comune di PARMA che ha introdotto il sistema di gestione RIFIUTI ZERO.

    Quindi, seguendo le vostre linee programmatiche, vi chiediamo:

    1. A quanto ammonta oggi la percentuale di raccolta differenziata?

    2. Con questo nuovo regolamento, di quanto intendete aumentare la percentuale di raccolta differenziata? Di quanto si abbasseranno o di quanto aumenteranno le tariffe rispetto alle attuali? Questi sono i dati che un’Amministrazione dovrebbe conoscere e divulgare.

    Invece,parallelamente, apprendiamo dall’Albo Pretorio del Comune di Serramazzoniche, durante la seduta di Giunta Comunale del 8 Ottobre 2013, si è deliberato l’approvazione e l’attuazione, attraverso il gestore HERA S.P.A., del progetto denominato “SMART AREA DEL FRIGNANO”.

    Ma che cosa prevede nel concreto questo nuovo progetto?

    Si parla di rinnovare i cassonetti, prevedendo che per la raccolta differenziata essi abbiano coperchi ad apertura totale senza feritoie, mentre per l’indifferenziato sono previste feritoie piccole sui coperchi, per fare in modo che i cittadini limitino il volume dei sacchetti da introdurre. Ora, sappiamo che in alcuni comuni della nostra Provincia in cui si è provveduto a questa modifica dei cassonetti, le persone non bene informate, trovandosi di fronte a feritoie piccole rispetto al sacchetto contenente l’indifferenziato, lo hanno spesso gettato nei cassonetti per la raccolta differenziata, ottenendo il risultato opposto, ovvero di inquinare anche il rifiuto riciclabile che quindi viene portato all’inceneritore.

    Sempre nello stesso documento, relativamente alla corretta informazione dei cittadini, nel progetto “SMART AREA DEL FRIGNANO” è previsto il “coinvolgimento delle associazioni di volontariato con lo scopo di formare una rete di eco volontari che potranno recarsi presso le famiglie per effettuare una campagna informativa”.

    Ci chiediamo, anzi vi chiediamo se avete già contattato le associazioni di volontariato e quale sia ad oggi il numero di persone che volontariamente si sono offerte per il progetto, visto che, si legge, “la riorganizzazione della raccolta stradale è prevista per l’autunno”.

    Ci chiediamo, anzi vi chiediamo, se questa formazione porta a porta non la dovrebbe svolgere HERA stessa, visto quanto care sono le tariffe proposte rispetto ad altri comuni della Provincia. Ad esempio, il Comune di Castelvetro, che conta 11095 abitanti (al 31/12/2012) spende 1.144.190,63 € rispetto a Serramazzoni che, pur contando un numero inferiore di abitanti, 8099 al 31/12/2012, spende 1.663.223,02 €.

    Fatte queste osservazioni, il Movimento 5 Stelle si dichiara contrario all’approvazione del regolamento Tares e alle rispettive tariffe, perché non si tiene in considerazione l’eventualità di attivare, nemmeno in via sperimentale, in una frazione o in un quartiere del capoluogo un sistema di raccolta porta a porta, perché non vengono adeguatamente valorizzati i comportamenti virtuosi dei cittadini e parallelamente non vengono adeguatamente disincentivati coloro che la differenziata non la fanno affatto.

    Infine, perché crediamo che ci sia un grave conflitto di interessi nell’affidare la raccolta dei rifiuti alla stessa azienda che deve smaltire il rifiuto stesso.

    Concludiamo con una proposta rivolta a tutte le componenti del Consiglio Comunale: valutare ed adottare la strategia “Dieci passi verso Rifiuti Zero” (di cui alleghiamo locandina), in Italia già adottata da 194 Comuni per un totale di più di 4 milioni di abitanti.

    Chiediamo anche di aderire alla associazione Comuni Rifiuti Zero, per intraprendere un percorso di responsabilità, dove ogni cittadino sia consapevole della gestione dei propri rifiuti e dei relativi costi e benefici."

    http://www.youtube.com/watch?v=h4JDJECeG-E

    Gli altri video del Consiglio sul nostro canale youtube: Serra5Stelle. Grazie.

  • Risposta interrogazione su Asilo di Riccò

    In data 23/09/2013 è stata protocollata la risposta del Sindaco alla nostra Interrogazione (qui) a risposta scritta "Situazione dell'asilo di Riccò", protocollata il 22/08/2013

    Nelle sue risposte, il Sindaco ci parla di completamento dell'opera come fattore auspicabile, ma, al tempo stesso, vengono citati gli atti di competenza esclusiva del Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata (sospensione lavori e avvio di procedimento), in cui si evidenzia la necessità di "verificare circa la regolarità di un titolo edilizio, delle opere realizzate, dell'iter procedurale e autorizzativo in essere".
    Va da sé che in questo momento e in queste condizioni non ci può essere la ripresa dei lavori.
    La ripresa dei lavori ed il completamento potranno, secondo noi, arrivare solo attraverso 3 percorsi:

    1. Attendere che il TAR si pronunci (e sappiamo quali tempi biblici impiegherà). Inoltre, crediamo che se il pronunciamento del TAR sarà a favore della Fondazione "Paride Colfi", i lavori riprenderanno. Per l'Amministrazione potrebbe emergere un problema da affrontare non di poco conto: risarcire la Fondazione Paride Colfi dei danni subiti. Se il Comune si è costituito contro il ricorso, è evidente che ritiene di essere dalla parte della ragione, pertanto non c'è bisogno di sondare la Fondazione sulle sue intenzioni, al limite dovrà essere la stessa che sonderà il terreno con l'Amministrazione, per sapere cosa intende fare.
    2. Il TAR respinga il ricorso della Fondazione che, a quel punto, è proprietaria di un'opera che presenta una serie di irregolarità, che dovrebbe cercare di sanare. In questo caso, però, pensiamo che non vi sia alcuna certezza sui tempi di conclusione dell'opera.
    3. (inutile nascondersi!!) trovare un accordo, assieme alla Fondazione, la quale dovrebbe in questo caso ritirare il ricorso. Se così non fosse non si spiegherebbe che la Fondazione abbia voluto incontrare tutte le liste, che si sono presentate alle elezioni del maggio scorso.

    Secondo il Movimento 5 Stelle il nodo della questione è il seguente: siccome si parla di un'opera, seppur privata, di grande interesse pubblico, è necessario che le tappe principali del percorso siano dichiarate pubblicamente.
    Non sarà possibile da parte dell'Amministrazione evitare le polemiche se deciderà di mettere la popolazione di fronte al fatto compiuto. Inoltre, se la decisione dovesse essere quella di portare avanti il contratto di gestione così com'è stato stipulato nel Novembre 2010, questo esporrebbe il Comune ad un esborso economico enorme e duraturo negli anni, a fronte di un pungo di mosche che il Comune stesso si ritroverebbe in mano tra 27 anni.

    La nostra posizione è stata dichiarata apertamente fin dalla campagna elettorale, forse pagando l'eccesso di trasparenza e sincerità. Quello che non si è ancora capito invece è la posizione dell'attuale Amministrazione: avevate dichiarato che avreste fornito la vostra soluzione prima del voto, ma invece non è mai stata rivelata: esisteva? Almeno adesso esiste?
    Questa non ci sembra trasparenza.
    Infine, in merito alla risposta del Sindaco, in cui fa riferimento ad "affermazioni completamente prive di fondamento, inutilmente offensive e funzionali solamente a polemiche sterili, strumentali e demagogiche" ricordiamo all'Amministrazione che più volte essa ha affermato di volersi impegnare a risolvere i problemi reali: questo è un problema reale!!
    Voi vi siete proposti come amministratori, nessuno vi ha obbligato; parte della popolazione di Serramazzoni vi ha affidato questo incarico col suo voto. Occuparvi dei problemi e cercare di risolverli è esattamente quello che dovete fare, ci mancherebbe che non lo faceste!!
    Quello che sottolineiamo è il modo in cui lo state facendo.
    La nostra interrogazione non è un tentativo per farvi perdere tempo in polemiche sterili, strumentali e demagogiche, ma un atto concreto in risposta alle tante domande che numerosi cittadini ci hanno fatto. Le parole scritte nella risposta del Sindaco non offendono il Movimento 5 Stelle, ma tutti quei genitori e cittadini che si interessano al futuro dei bambini, indipendentemente dalla lista che hanno votato a fine maggio.

    Auspichiamo che le modalità con cui verranno affrontate le mozioni, le interpellanze e le interrogazioni che perverranno dalle minoranze vengano affrontate con una maggiore serenità da parte vostra!
    Siamo ancora in attesa di quella richiesta di collaborazione effettiva e costruttiva richiamata più volte sia in campagna elettorale che nei Consigli Comunali.

  • Commento pubblico alla risposta fornita dall'Amministrazione sulla situazione della strada Pazzano-Serra

    Nel Consiglio Comunale tenutosi lunedì 30 Settembre 2013, l'Amministrazione ha dato risposta alla nostra interpellanza riguardo il tratto di strada in questione ( visualizza qui la risposta fornita dall'amministrazione, a partire dal minuto 1:07).

    Le argomentazioni volte a giustificare la situazione, riassumendo in breve sono state le seguenti:

    1) Si tratta di un tratto di strada posto in un zona dove ci sono continui movimenti di terreno, inoltre si trova esposta nel versante nord-ovest del monte ed una delle cause del dissesto è la quantità di sale che viene gettata durante l'inverno.

    2) Il tratto sistemato dal Consorzio di bonifica della Burana non è stato ancora asfaltato, in attesa di eventuali assestamenti.

    3)Una parte delle somme necessarie alla sistemazione deve ancora essere reperita, probabilmente si troveranno le risorse nelle voci di bilancio per il 2014.

    Queste risposte sono assolutamente insufficienti.

    1) Non si può dare la colpa al sale versato per un degrado che è da ricercare nell'incuria, a fronte di evidenti e gravi movimenti del terreno. Ricordiamo che l'Amministrazione da Maggio ad oggi, pur avendo avuto tutta l'estate davanti, ha solo fatto un opera di rappezzo superficiale, pur essendo evidente la natura del problema.

    2) Non abbiamo mai visto che tratti di strada debbano attendere un così lungo tempo di assestamento prima dell'asfaltatura.

    3) Vorremmo venisse spiegato perché il precedente intervento è stato a carico del Consorzio della Burana, con evidente risparmio delle risorse comunali, mentre invece per i futuri interventi occorre reperire alcune somme nel bilancio, tenuto conto che nel 2009 la Provincia di Modena aveva assegnato la somma di € 32000 proprio per il tratto di strada in oggetto.

    Vorremmo ricordare che, con l'avvicinarsi dell'inverno, la situazione potrebbe degenerare parecchio, accelerando i distacchi già evidenti, rendendo la situazione molto pericolosa per le auto in transito oltre che diventare molto più costoso il successivo intervento.

  • Il Movimento 5 Stelle incontra i cittadini a Serra

    Il 17 ottobre 2013 alle ore 21 ci troveremo alla Saletta Benazzi (Via Roma 301) per un incontro con i cittadini di Serramazzoni dopo le elezioni di maggio. Durante la serata Francesca Marzani, consigliere comunale del M5S, ci illustrerà le attività di questi primi mesi. Poi proseguiremo con un confronto aperto per conoscerci e raccogliere idee, proposte, sollecitazioni e tutto ciò che possa interessare la collettività. L'ingresso è libero e sarà un'opportunità per informarsi e informare! Inoltre chiunque abbia tempo e voglia da mettere a disposizione per collaborare alla diffusione delle idee del M5S può cogliere questa occasione per farsi avanti e iniziare ad essere concretamente attivo sul territorio. Vi aspettiamo!
     
     
  • Risposta richiesta incontro urgente

    Pubblichiamo la risposta dell'Assessore Arch. Convenuti alla nostra richiesta di incontro urgente (qui) che proponeva di avviare una discussione per affrontare il problema della proliferazione non controllata di impianti per la produzione di energia elettrica da biomasse/biogas.
    Prendiamo atto che in questo momento il Sindaco e la Giunta non ritengono urgente discutere di questa emergenza.
    Nella riunione del 6 agosto 2013, organizzata dal Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata, lo stesso Assessore Convenuti ha detto, di fronte ai tecnici operanti nel comune di Serramazzoni, che prima di predisporre il nuovo P.S.C. si sarebbe adottata un'ultima variante al P.R.G. correttiva e di transizione, invece in questa risposta l'Assessore sembra escludere questa possibilità, il che vorrebbe dire aspettare anni per poter discutere di questa emergenza visti i tempi prospettati per la stesura del P.S.C..
    Oltretutto il fatto che la cosiddetta "Variante dei 2 KM" (vedi qui) abbia valore in regime di salvaguardia, ossia, vale la norma più restrittiva, non ci tranquillizza affatto!
    Abbiamo bisogno di sapere esattamente cosa intende fare questa Giunta per questo tipo di impianti ed è per questo che presenteremo una proposta di deliberazione da sottoporre a votazione del Consiglio Comunale per chiedere di inserire questa discussione già durante la stesura della eventuale variante correttiva e di transizione al P.R.G. annunciata ai tecnici il 6 Agosto dall'Assessore Convenuti.

  • 3° Consiglio Comunale a Serramazzoni

    Serata lunga alla Sala Polivalente. Consiglio Comunale abbastanza tecnico dal quale emerge il problema di sempre: la fatica a condividere in tempi ragionevoli le informazioni con le minoranze e con i cittadini. All'ordine del giorno anche una interpellanza ed una interrogazione del Movimento 5 Stelle (Serra 5 Stelle sia su facebook che su youtube) relative alle scuole di Serra centro "Casolari" e "Cavani" e sulla strada per Pazzano. Usciamo insoddisfatti delle risposte ricevute ma attenti a continuare a monitorare il lavoro di questa giunta e le esigenze dei cittadini e dei luoghi del nostro comune. Il nostro lavoro in Consiglio insieme a tutta la serata consiliare li trovate sul nostro canale youtube.                                           Di seguito trovate i link per vedere il Consiglio Comunale suddiviso in 4 parti:

    Grazie.

    {youtubegalleryid=13,15}